Chi Sono

Andrea Pedrinelli è critico musicale (e teatrale), storico della canzone, divulgatore: nato a Milano nel 1970, ha iniziato la professione giornalistica nel 1991.
Nel tempo ha collaborato per numerose testate, quotidiane e periodiche, specializzate e non; al momento collabora con il quotidiano Avvenire (da oltre quindici anni), il sito www.dasapere.it (con una rubrica fissa), il mensile Scarp de’ tenis, la storica rivista mensile Musica Jazz e l’importante bimestrale specializzato Vinile.

Negli anni Pedrinelli ha creato per varie TV private (compresa Mediaset) format inediti, e contribuito come autore a numerosi programmi (fra essi Serata Bella per Mogol, Serata Bella per Bigazzi).
Inoltre da molto tempo, con diversi format fra cui Dentro la Musica e Racconti Minimi (dedicato ad Enzo Jannacci) organizza e conduce serate, incontri o rassegne di divulgazione e stampo culturale: fra biblioteche, scuole, locali, università del tempo libero.

A livello editoriale ha realizzato la più importante biografia di Enzo Jannacci (Roba minima, editore Giunti), l’unica apprezzata dalla famiglia; ha curato diversi lavori editoriali dedicati all’opera di Giorgio Gaber di cui è il massimo studioso esistente (fra essi il libro Non fa male credere, editrice Ancora, e l’opera omnia video dell’artista in libri e DVD); ha licenziato vari studi tematici (La canzone a Milano, La musica del Natale) e scritto biografie critiche esaustive su Claudio Baglioni, Ron, Renato Zero, Vasco Rossi -in un volume che è stato di recente ristampato in versione aggiornata-; e ha ricostruito su libro la vicenda ultracinquantennale del gruppo a cappella Mnogaja Leta.
Pedrinelli ha inoltre pensato e realizzato col jazzista Felice Clemente Mino Legacy, opera che storicizza la vicenda artistica di Mino Reitano e nella quale si è occupato di redigere un profilo critico dell’artista, ed ha pubblicato per le Edizioni della Goccia Canzoni da leggere – Viaggio nella poesia della canzone italiana, un’inedita riflessione sui contenuti e il valore culturale della cosiddetta “canzonetta” che aveva lanciato per diversi mesi in una sua rubrica sulla prima pagina di Avvenire.

Con i Pooh, unico non musicista a collaborare con loro in 50 anni di leggenda musicale, Pedrinelli ha realizzato l’opera omnia video con testi critici Pooh Legend (4 libri+4 DVD), alcuni DVD sui live della band, i testi della graphic novel DiSegni e la parte critica del cofanetto Sony Music Trilogia 87/90.
Ma saggi di Pedrinelli compaiono anche in importanti opere discografiche del compianto Maestro Ezio Bosso nonché di Giorgio Gaber, Vasco Rossi, Roberto Cacciapaglia.

Come divulgatore, con l’innovativa formula dell’incontro-spettacolo, nelle scuole e (per il pubblico adulto) nei teatri, il giornalista ha portato in tutta Italia per anni la testimonianza dell’arte di Enzo Jannacci, di quella di Giorgio Gaber e di quella del Maestro Claudio Abbado. E sul Signor G ha anche realizzato l’unico libro didattico esistente, legato alla decennale esperienza di lezioni-spettacolo sull’Artista nelle scuole.
Riguardo Jannacci, invece, con la cantautrice Susanna Parigi Pedrinelli non ha solo realizzato e portato in scena Il Saltimbanco e la Luna, concerto teatrale sull’Artista da Lui approvato in vita e divenuto anche CD; con la Parigi Pedrinelli ha anche firmato un libro di approfondimento (Il suono e l’invisibile) sul senso del far musica.

Attualmente Andrea Pedrinelli sta per pubblicare due nuovi volumi, il primo dedicato alla figura di Alessandro Bono, e sta lavorando a nuovi incontri fra cultura e spettacolo con cui divulgare il più possibile il patrimonio storico-culturale della grande canzone italiana, sempre affiancato da artisti di vaglia.